Stampa Estera Italia

Arte e Cultura

La consigliere, Carmen del Vando Blanco, ha ricevuto di nuovo l'incarico di Mostre e Cultura.

Quindi, organizza delle visite guidate (generalmente dai propri curatori o dai direttori del museo che le ospita) delle mostre appena inaugurate, puntando su quelle di maggior interesse per la stampa internazionale; nonché dei siti archeologici o istituzionali di speciale contenuto storico-culturale, legato alla più rilevante attualità.

VISITA GUIDATA AL PALAZZO DORIA PAMPHILI

Don Massimiliano Floridi, principe consorte di Gesine Pogson Doria Pamphili,  ha invitato alcuni correspondenti a conoscere la prestigiosa galleria del Palazzo Doria Pamphili (XVI-XVIII secolo) il più grande palazzo abitato della capitale, (superato in grandezza a Roma solo dai palazzi di istituzioni pubbliche o ambasciate), che continua ad essere residenza  della famiglia nobiliare omonima e custode di una notevole raccolta di dipinti e opere d’arte, fra cui il ritratto del papa Innocenzo X, loro antenato,  realizzato da Velázquez.

La monumentale facciata su via del Corso è di Gabriele Valvassori, che la realizzò fra il 1730 e il 1735 su commissione di Giovanni Andrea Doria, a commemorazione dell’unione della sua famiglia con quella della moglie Anna Pamphilj. Fu lo stesso Valvassori che provvide a tamponare gli archi del primo piano del cortile d’onore per creare la celebre Galleria dove la famiglia dispose la sua raccolta di quadri, la cui visita ci sarà spiegata da don Massimiliano Floridi.

MOSTRA ‘OVIDIO. AMORI. MITI E ALTRE STORIE’ ALLE SCUDERIE DEL QUIRINALE

La mostra conclude le celebrazioni per il Bimillenario Ovidiano, curata dalla prof. Francesca Ghedini, che la dedica al sumo poeta latino e alle sue infinite fonti di ispirazione nelle rappresentazioni  antiche e moderne.

Infatti, Publio Ovidio Nasone, raffinato interprete della mitologia greca e romana, moriva fra l’anno 17 e 18 d.C., nella più completa solitudine, dimenticato da tutti, per un motivo di cui si ignora il contenuto esatto: un severo editto lo condannò a una “relegatio” definitiva in una località ai limiti del mondo conosciuto fino ad allora.

Sono passati 2000 anni eppure Ovidio è rimasto fra di noi: il suo influsso arriva non solo alle immagini ma anche a delle espressioni vigenti come: “non posso vivere con te né senza di te”…  “in amore vince chi fugge” … o il termine “narcisismo”.

Lungo il percorso, attraverseremo tanti secoli fra affreschi provenienti da Pompei, sculture dell’epoca imperiale, antichi testi, pezzi archeologici e dipinti, che danno vita ai versi delle “Metamorfosi” (con 250 miti classici uniti dalla trasformazione).

Foto: Nicoletta Ciardullo

Presentazione di "MICHELANGELO–INFINITO"

Oggi è stato presentato il film documentario "MICHELANGELO–INFINITO" alla presenza di:

  • Cosetta Lagani, ideatrice soggetto e direttore artistico del film
  • Sara Mosetti, cosceneggiatrice del film
  • Emanuele Imbucci, regista
  • Enrico Lo Verso, interprete di Michelangelo nel film

Si tratta di un evento cinematografico senza precedenti: coinvolgente, poetico, innovativo. Questo film d’arte ‘Michelangelo-Infinito’ (90’), diretto da Emanuele Imbucci, è prodotto da Sky con Magnitudo Film, già creatori di ‘Caravaggio-l’Anima e il Sangue’ e di ‘Raffaello-il Principe delle  Arti’, che delineano un ritratto avvincente, di forte impatto emotivo e visivo dell’uomo e dell’artista Michelangelo,  genio indiscusso dell’arte universale, di pari passo con il racconto cinematografico della sua vasta produzione artistica.

Alle spettacolari riprese in ultra definizione (4K HDR) e da punti di vista inediti, si aggiungono delle ricostruzioni storiche sorprendenti attraverso sofisticati effetti digitali, in cui lo spettacolo del cinema sfoggia nei diversi luoghi di eccellenza l’emozione dell’arte. Dopo il debutto italiano, il film sarà distribuito nei cinema del mondo con True Colours.

La Stampa Estera visita Matera, capitale europea della cultura 2019

Persone, Luoghi e Obiettivi di Matera 2019 - una visita guidata fra i luoghi e le persone di Matera 2019 per un gruppo di correspondenti della Stampa Estera

Foto: Serafino Paternoster

EDITH GABRIELLI alla Stampa Estera

EDITH GABRIELLI, l’attiva direttrice del Polo Museale del Lazio, che comprende 46 musei della regione, ha incontrato i soci per annunciare il programma in preparazione per il prossimo autunno

L’ALTRO SGUARDO

L’Azienda Speciale Palaexpo ha invitato i correspondenti a visitare la mostra ‘L’ALTRO SGUARDO'.

Fotografe italiane 1965-2018’ aperta al Palazzo delle Esposizioni fino al 2 settembre.

L’eccezionale appuntamento offre una selezione di oltre duecento fotografie e libri

fotografici provenienti dalla Collezione Donata Pizzi, costituita dalle più originali

Interpreti nel panorama fotografico italiano. La raccolta -unica nel suo genere in

Italia- è composta da opere fotografiche realizzate da circa 70 autrici appartenenti

a generazioni ed ambiti espressivi diversi: dai lavori pionieristici sino alle ultime

sperimentazioni condotte tra gli anni Novanta e il 2018.

 

La cospicua collezione, presentata per la prima volta alla Triennale di Milano dal

5 ottobre 2016 all’8 gennaio 2017, viene ora proposta a Roma insieme alle nuove

acquisizioni, guidata per noi dalla stessa Donata Pizzi e dalla curatrice Raffaella Perna.

Quindi, uno sguardo al femminile che testimonia momenti significativi della storia

della fotografia italiana in questo periodo: da esso affiora i mutamenti concettuali,

estetici e tecnologici che l’hanno caratterizzata, immagini relativi a vari decenni e

generi, dalle foto di reportage a quelle più spiccatamente sperimentali.

Foto: Wolfgang Achtner

VISTA MOSTRA CANALETTO

visita guidata della mostra ‘Canaletto 1697-1768’, aperta a Palazzo Braschi fino al 19-8-2018.

 

La retrospettiva intende celebrare il 250° anniversario della morte del grande pittore veneziano, Giovanni Antonio Canal, noto come Canaletto, presentando il più cospicuo nucleo di opere di sua mano mai esposto in Italia: 68 lavori tra dipinti e disegni oltre a documenti, inclusi alcuni celebri capolavori, provenienti da alcuni tra i più noti musei del mondo.

VISITA GUIDATA A PALAZZO BARBERINI, DELLA MOSTRA ‘ECO E NARCISO’ PER CELEBRARE LE 11 SALE RECUPERATE.

Palazzo Barberini ha invitato i soli soci alla visita della mostra ‘Eco e Narciso, Ritratto e Autoritratto nelle collezioni del Maxxi e delle Gallerie Barberini Corsini’,  che celebra la restituzione al pubblico di undici nuove sale affacciate  sui giardini del palazzo e occupate per molto tempo dal Circolo Ufficiali delle Forze Armate, per un totale di oltre 750 metri quadri di spazio espositivo. Il percorso della mostra, guidato dal dott. Michele Di Monte, che si snoda tra le nuove sale, il Salone Pietro da Cortona, la Sala Ovale e la Sala dei Paesaggi, procede in un dialogo fra Arte antica e Arte contemporanea sul tema del ritratto e dell’autoritratto con opere provenienti dalle collezioni dei due musei nazionali.

Visita Palazzo Merulana

Alcuni scorci del nuovo museo a Palazzo Merulana che ospita la collezione della Fondazione Elena e Claudio Cerasi. La raccolta è dedicata principalmente alla Scuola Romana e all'arte italiana tra le due guerre. Siamo stati ricevuti dal proprietario delle opere, Claudio Cerasi. Questo museo è un piccolo gioiello che val bene una visita.

Foto: Wolfgang Achtner

le mostre del MAXXI

La Fondazione MAXXI ha invitato la Stampa Estera alla visita guidata della mostra GLI ARCHITETTI DI ZEVI. Storia e controstoria dell’architettura italiana 1944-2000, che ci è stata illustrata dal suo curatore Pippo Ciorra. Si tratta di una grande esposizione alla figura di Bruno Zevi e al suo multiforme lavoro di storico, docente, progettista, ecc., che riunisce oltre a riviste, libri, e altri documenti audio e video, i progetti di 38 tra gli importanti architetti che promuoveva.

A seguire, verso le 13:00 abbiamo incontrato Giulia Ferracci, curatrice della mostra ‘Home Beirut’, che ci ha fatto una introduzione generale e si è soffermata su alcune opere particolarmente significative del suo contenuto.

VISITA ALL’ICRCPAL  (EX PATOLOGIA DEL LIBRO)

Riprendiamo le nostre visite culturali, con questo appuntamento all’Istituto Centrale per la Conservazione e il Restauro del Patrimonio Archivistico e Librario (ICRCPAL - ex Patologia del Libro).

Saremo accolti dal direttore, dott.ssa M. Letizia Sebastiani, e a seguito, durante il percorso fra i diversi laboratori, guidati dai relativi responsabili, che ci illustreranno tutti gli aspetti dei delicati interventi dal punto di vista diagnostico-conservativo.

Foto: Alicia Romay

Curiose Riflessioni - a Palazzo Barberini

Le Gallerie Nazionali d’Arte Antica di Roma hanno invitato la stampa estera alla visita della mostra ‘Curiose Riflessioni. Jean-François Niceron, le anamorfosi e la magia delle immagini’ (aperta al pubblico dal 7 marzo), che sarà guidata dai curatori Maurizia Cicconi e Michele Di Monte.

L’anamorfismo, un effetto di illusione ottica per cui un’immagine appare distorta e diventa comprensibile solo ponendosi nell’unico corretto punto di osservazione oppure attraverso uno strumento che ne restituisca la giusta percezione, raggiunge il suo apice in età Barocca. E uno dei più interessanti protagonisti si è dimostrato il matematico e teologo francese Jean-François Niceron (Parigi 1613-Aix-en-Provence 1646), dedicatosi precocemente allo studio della prospettiva e dell’ottica, presente in mostra con i suoi dipinti databili attorno 1635 e due opere a stampa oltre al curioso “cannocchiale anamorfico”, che permette di vedere un’immagine che non c’è.

Questo sito web usa i cookies per migliorare l'esperienza di navigazione. Per maggior informazioniclicca qui.